Stai cercando un partner digital? Richiedi una consulenza gratuita Qui >>>

Food UPMilano Food City: il Fuorisalone del gusto sarà la nuova Expo?

Roberta Gavioli Roberta Gavioli1 anno ago7 min

Advertisement

Ѐ iniziata la settimana meneghina dedicata al mondo del food.  Moltissimi gli appuntamenti e le iniziative a tema gastronomico inseriti per la prima volta in un evento più ampio della Food Week, in un “fuorisalone del gusto” che ha preso il nome di Milano Food City. Dal 4 all’11 maggio oltre 320 iniziative, snodate fra mercati, musei, spazi culturali, negozi e ristoranti regaleranno a tutti un’esperienza enogastronomica esclusiva. Sarà sufficiente per ereditare la missione e i valori di Expo 2015?

Degustazioni, workshop, mostre, street food e spettacoli culinari. Ce n’è per tutti i gusti, ma da non perdere sono gli Storycooking dove Enrico Bartolini, Filippo La Mantia e altri chef d’eccezione si lanceranno in una kermesse a metà fra storytelling e cooking show.

Storycooking, Milano Food City | Dotmug

Affascinanti anche la Street Food Parade, il Wunder Mrkt di via Tortona e i cluster dedicati a spezie, caffè e pizza. Ricchi di storia anche gli artigiani del cibo, dai macellai ai panettieri ai fruttivendoli, che terranno masterclass e degustazioni presso i Caselli Daziari.

Non solo Food Week, Milano si fa culla in contemporanea di altri quattro eventi del settore: dal 4 al 7 maggio ci sarà il Taste Festival; dal 6 al 10 prenderà il via la prima edizione di Italian Gourmet con i suoi 17 chef italiani d’alta cucina; e dal 4 all’11 maggio TuttoFood e il summit Seeds&Chips, dedicato all’innovazione alimentare.


Dalla tavola alla strada: un percorso di gusto tra botteghe storiche e street food di tendenza

Anche il cibo di strada sarà in campo per combattere lo spreco alimentare con Intensive Food Care: un food truck-ambulanza che trasforma i prodotti dei mercati locali rimasti invenduti in nuovi “kit di sopravvivenza”. Il 10 maggio, invece, i ristoratori di Via Marghera animeranno una tavolata con percorsi degustativi tra i negozi aperti fino alle 22. Non è da meno Via Paolo Sarpi, con il suo Sa(r)pore tra le botteghe storiche cinesi.

Sa(r)pore, Milano Food City | Dotmug

Interessanti anche i dibattiti presso la Fondazione Feltrinelli di Porta Volta, con reading, proiezioni, rassegne cinematografiche e workshop per bambini. Tra le mostre fotografiche da non perdere troviamo FoodPeople, dedicata ai cambiamenti del nostro modo di mangiare negli ultimi 150 anni.

Una nuova Expo? Servono innovazione, sostenibilità e consapevolezza

Dall’agenda della manifestazione appare subito chiaro il grande interesse a valorizzare l’eredità consegnata da Expo 2015, regalando all’Italia un ruolo centrale nel settore dell’alimentazione. Tuttavia la sfida è più ardua di ciò che appare. Per farsi promotrice di tematiche quali l’alimentazione consapevole e l’eccellenza agroalimentare serve accendere i riflettori su argomenti più complessi quali il diritto al cibo e la lotta allo spreco alimentare, vere sfide del futuro. Milano Food City, per divenire davvero una nuova Expo, dovrà farsi portavoce di un’innovazione capace di trasformarsi in motore di sostenibilità ambientale.

 

Roberta Gavioli

Roberta Gavioli

Giornalista di Innovazione, Travel Blogger, Event Planner. Se è vero che il presente è digitale, il futuro è senza dubbio nelle persone. Amo la carta, ci scrivo, la leggo, la piego in origami, la dipingo e la trasformo in idee. Per me le scelte più importanti della vita si trovano sul fondo di una buona tazza di tè.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.