“Flick”: come Facebook cambia l’unità di tempo | Dotmug

 

EconomiaFood UPTrends“Flick”: come Facebook cambia l’unità di tempo

Fabiola Fiorentino Fabiola Fiorentino2 anni ago4 min

Advertisement

Flick, è il nome della nuova unità di misura del tempo studiata e messa a punto da Christopher Horvat, del team Facebook dedicato alla “social virtuality”. Il Flick, termine coniato mettendo insieme le due parole frame (fotogramma) e tick (ticchettio) è la 705.600.000 parte di un secondo: più grande di un nanosecondo, ma più piccolo di un microsecondo. Il Flick consiste, in pratica, nel tempo medio trascorso dagli utenti a visualizzare un singolo post.

Una rivoluzione, più tecnica che fisica, che permetterà agli sviluppatori di video e campagne pubblicitarie di realizzare contenuti chiari ed intuitivi, snellendo, così, i processi di produzione. Cerchiamo di capire quali sono le sue funzionalità e in che modo cambierà la nostra esperienza virtuale.

[amazon_link asins=’B071HMBGZ7,8831549294,8857906884,8857905918,8827900292′ template=’ProductCarousel’ store=’dotmug-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d8106100-2245-11e8-8f70-393eeed60487′]

Flick, l’unità di tempo per la realtà virtuale

Alla base dell’idea, c’è la necessità di stabilire un parametro standard per la realizzazione di contenuti audio/video pertinenti al tempo medio di visualizzazione: si pensi ai 24 fotogrammi al secondo dei film, ai 120 hertz delle tv, o ai 44.1 KHz delle frequenze di campionamento audio.

Non a caso il team che ha sviluppato Flick è lo stesso che si occupa dei visori Oculus, infatti l’obiettivo di Facebook è quello di rappresentare un fotogramma in un numero non approssimativo: un numero facilmente diviso e senza virgole. Un ventiquattresimo di secondo equivarrà, infatti, a 29,400,000 flick.

Quale sarà il futuro di Flick?

Con la sperimentazione di Flick, i contenuti audio/video saranno più chiari, innovativi e armoniosi. Non a caso, Facebook – proprietario dal 2014 di Oculus – ha trovato con Flick il modo di semplificare il processo di creazione degli effetti visivi per film, televisione e videogames, rendendo possibile l’assenza di errori e imprecisioni nella riproduzione di video e audio.

Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi nel campo della realtà virtuale per capire se il flick riuscirà a dominare il settore dei visori 3D e la piattaforma stessa.

Fabiola Fiorentino

Fabiola Fiorentino

Dott.ssa in Comunicazione, web editor e food blogger per passione. Scopro e condivido le mie idee attraverso la scrittura creativa: il mio ponte tra spirito e realtà.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.