Stai cercando un partner digital? Richiedi una consulenza gratuita Qui >>>

EconomiaFood UPTrends“Flick”: come Facebook cambia l’unità di tempo

Fabiola Fiorentino Fabiola Fiorentino7 mesi ago4 min

Advertisement

Flick, è il nome della nuova unità di misura del tempo studiata e messa a punto da Christopher Horvat, del team Facebook dedicato alla “social virtuality”. Il Flick, termine coniato mettendo insieme le due parole frame (fotogramma) e tick (ticchettio) è la 705.600.000 parte di un secondo: più grande di un nanosecondo, ma più piccolo di un microsecondo. Il Flick consiste, in pratica, nel tempo medio trascorso dagli utenti a visualizzare un singolo post.

Una rivoluzione, più tecnica che fisica, che permetterà agli sviluppatori di video e campagne pubblicitarie di realizzare contenuti chiari ed intuitivi, snellendo, così, i processi di produzione. Cerchiamo di capire quali sono le sue funzionalità e in che modo cambierà la nostra esperienza virtuale.

Flick, l’unità di tempo per la realtà virtuale

Alla base dell’idea, c’è la necessità di stabilire un parametro standard per la realizzazione di contenuti audio/video pertinenti al tempo medio di visualizzazione: si pensi ai 24 fotogrammi al secondo dei film, ai 120 hertz delle tv, o ai 44.1 KHz delle frequenze di campionamento audio.

Non a caso il team che ha sviluppato Flick è lo stesso che si occupa dei visori Oculus, infatti l’obiettivo di Facebook è quello di rappresentare un fotogramma in un numero non approssimativo: un numero facilmente diviso e senza virgole. Un ventiquattresimo di secondo equivarrà, infatti, a 29,400,000 flick.

Quale sarà il futuro di Flick?

Con la sperimentazione di Flick, i contenuti audio/video saranno più chiari, innovativi e armoniosi. Non a caso, Facebook – proprietario dal 2014 di Oculus – ha trovato con Flick il modo di semplificare il processo di creazione degli effetti visivi per film, televisione e videogames, rendendo possibile l’assenza di errori e imprecisioni nella riproduzione di video e audio.

Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi nel campo della realtà virtuale per capire se il flick riuscirà a dominare il settore dei visori 3D e la piattaforma stessa.

Fabiola Fiorentino

Fabiola Fiorentino

Dott.ssa in Comunicazione, web editor e food blogger per passione. Scopro e condivido le mie idee attraverso la scrittura creativa: il mio ponte tra spirito e realtà.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.