TrendsLego Life: il social network per ragazzi under 13

dotmug dotmug1 anno ago11 min

Advertisement

In un epoca in cui le immagini vincono sulle parole (Instagram docet), Lego risponde con Lego Life, un social network pensato appositamente per i ragazzi under 13.

Dopo cinquant’anni di crescita costante, Lego conosce una fase di tracollo che si lascia definitivamente alle spalle grazie alla sua incredibile capacità di rimettersi costantemente in gioco. Erano gli Anni Sessanta quando le tecniche e gli standard industriali vengono applicati per la prima volta ad aspetti della vita fino a quel momento lasciati all’abilità degli artigiani: i giocattoli. Nel giro di pochi anni, alla produzione manuale di giochi si affianca e sostituisce quella industriale. Così, accanto alla bambola di pezza fa la sua comparsa la Barbie e accanto alla costruzione di legno, il Lego.

La storia di un mattoncino di plastica

La storia di questa aziende danese è lunga e non priva di colpi di scena. Nata negli Anni Trenta, introduce sul mercato dei mattoncini di legno che, per forma e materiale, non si distinguono molto da quelli di altri competitors. Negli Anni Cinquanta Lego debutta con Lego Briks, un mattoncino di plastica in diverse varianti di colori. Ma è il 1958 l’anno della svolta. Lego propone, per la prima volta sul mercato, il suo mattoncino a due facce: quella superiore con due sporgenze cilindriche e quella inferiore con due incavature speculari, in modo da favorirne assemblaggio e incastro. Non è la prima volta che il mercato dei giochi propone elementi ad incastro per costruire, montare e assemblare: c’era già il Meccano, di origini britanniche, ma decisamente troppo costoso e riservato ad un parterre maschile per la sua connotazione estremamente tecnica. La forza di Lego era (e continua ad essere) la sua varietà di forme e di colori che si adattano ad ogni genere ed età.  Il Lego è una costruzione potenzialmente infinita che unisce idealmente il gioco di ogni singolo bambino a quello degli altri.

lego life social network di lego

Nasce Lego Life, il social network della Lego

Ma Lego non è soltanto questo: è un parco tematico di divertimento, un film di animazione, una mostra di opere “Lego Made” che ha fatto il giro del mondo. Ed ora è anche un social network. Si chiama Lego Life ed è un’applicazione che oltre a promuovere la condivisione delle foto delle proprie creazioni di Lego, invita gli iscritti (rigorosamente under 13) a comunicare tra loro in un ambiente protetto e sicuro. Non solo: gli iscritti a Lego Life possono mettersi alla prova in quiz e mini competition e creare un proprio avatar, di Lego ovviamente. Vista l’età degli utenti, particolare attenzione è stata posta alla sicurezza, grazie anche all’utilizzo di un software che modera i commenti e impedisce ai bambini di condividere i propri selfie.

Insomma: giocare con i Lego è un piacere antico, che i genitori condividono da sempre con i propri figli. È il piacere delle domeniche di pioggia, passate per terra a montare e smontare decine di volte una navicella spaziale fatta di mattoncini colorati. Nell’epoca della condivisione a tutti i costi, Lego risponde con un social network che, tra restrizioni e preoccupazioni, rischia di essere poco fruibile e di avere uno scarso appeal sugli under 13. Chi vincerà la sfida? Una scatola di Lego o la sua condivisione sui social? Stiamo in panchina a guardare. E a tifare.

dotmug

dotmug

"C’è una sola cosa orribile al mondo, un solo peccato imperdonabile: la noia". Oscar Wilde. Dalla redazione di Dotmug non ci annoiamo di certo. Sempre alla ricerca di notizie, condiviamo, twittiamo, instagrammiamo in costante connessione con il mondo digital.

One comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.