DataAAA cercasi posizionamento Meerkat. Developer in soccorso!   

Leo Mauriello7 anni ago8 min

Advertisement

La nuova @Meerkat #DeveloperAPI non è solo un tool, ma un posizionamento diverso rispetto a @Periscope.

Periscope è nella top ten delle app US, mentre Meerkat viaggia intorno al 70° posto.

Si dice “le idee sono nell’aria”, un senso comune ancora più valido nel mercato digital, costantemente in evoluzione ed ultra competitivo. E’ successo molte volte che due prodotti digitali di fondo identici siano approdati sul mercato quasi contemporaneamente: da Ruzzle a Boogle; da WhatsApp a Telegram… e infine Periscope e Meerkat. Sono tantissimi i motivi per cui uno dei due prodotti si afferma sul mercato a scapito dell’altro, ma nella maggior parte dei casi a fare la differenza è il marketing, e se come in questo caso il tuo competitor è Twitter è meglio cercare strategia diversa dallo scontro frontale.
Probabilmente è quello che deve aver pensato Ben Rubin founder di Meerkat, che dopo l’acquisto della competitor “Periscope” da parte di Twitter non avrà vissuto giorni semplici!

Il development come posizionamento di mercato

meerkat

Rubin ha dunque scelto per il rilancio della sua app una strada totalmente opposta al boost in marketing e comunicazione, ovvero investendo nel team di developer. In sole 9 settimane un team di 37 dev ha rilasciato in private API:

– Un servizio di stream discovery
– Upload automatici su YouTube
– Analytics evolute

Un lavoro notevole culminato il 6 maggio nel rilascio pubblico della piattaforma di API developer come servizio permanente. Da quel momento Meerkat ha dunque permesso alla community di developer di sviluppare tool, che prevedano l’integrazione e il riutilizzo del live streaming in contesti ancora inediti e creativi, aprendo le API e fornendo strumenti e utility che incoraggiano fortemente il “ri-utilizzo” di Meerkat in contesti nuovi ed esterni alla stessa app.
Non si tratta solo di una scelta tecnica, è un vero e proprio riposizionamento del prodotto, poiché dal momento del rilascio della sua Developer platform, Meerkat sta a Periscope così come Telegram sta a Whats app! Ovvero a Periscope resta il posizionamento main stream, mentre Meerkat si muove per andare a presidiare quello “indipendente”, accrescendo la sua credibilità presso i developer ed espandendo la sua presenza oltre i confini dell’app nativa. Diventando così l’app alternativa a Periscope, focalizzata sullo streaming innovation.

Innovare lo streaming per vincere sul mercato

Rubin dichiara al Techcrunch Disrupt di NY “Nobody knows what a good livestream is and what this medium is going to be. It’s important to give people a chance to show their creativity.”
La sua speranza è che grazie al nuovo posizionamento e alla community di developer Meerkat esca fuori dalla logica “Hello” e “what’s in my fridge?” Attraverso un miglioramento delle tecnologie proprie dello streaming e alla possibilità di riutilizzarli in contesti più flessibili e complessi di quelli tipicamente viral, imponendosi sul mercato come un nuovo medium anziché come una viral app.
Non solo… Rubin critica apertamente twitter/Periscope: “Big platforms should take leadership, coming from courage and not fear.” Ovvero per Rubin, Periscope  gioca a colpo sicuro, pensando più al mercato che all’innovazione. Il posizionamento scelto da Meerkat è interessante, coraggioso e sembra molto più che un ripiego strategico causato da uno scomodo competitor. Rubin ci crede, la community appena nata sembra agguerrita e la seppur breve storia del digital insegna che i sistemi aperti incoraggiano la creatività e l’innovazione.
Eppure la strada è ancora tutta in salita, secondo uno studio di Zignal Labs l’evento più cool dell’anno, il Coachella Festival, è stato menzionato negli stream di Periscope il 49% in più rispetto a Meerkat, inoltre Periscope è nella top ten delle app US, mentre Meerkat viaggia intorno al 70° posto.
Pagherà nel lungo termine la strategia di Meerkat? Lo scopriremo, nel frattempo confidiamo nei developer impegnati nella scoperta del reale potenziale del mobile streaming, consapevoli che l’innovazione da sempre ha la forza di mettere in crisi anche i giganti come Periscope (Twitter), appena nata, ma già status quo da abbattere!

Leo Mauriello

I'm characterized by a great curiosity, that drives me to achieve important goals and new challenges. I'm a web and digital marketer mainly focused on digital strategy and social advertising with design, programming and digital analyst skills.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.