Stai cercando un partner digital? Richiedi una consulenza gratuita Qui >>>

TrendsPokemon Go… non un game, ma una vera mania

Giulia Baroni Giulia Baroni2 anni ago9 min

Advertisement

Pokémon, gotta catch’ em all, I know, this is now our destiny. Almeno è quello che sembra essere…

Era il 1995 quando Satoshi Tajiri creò questo mondo, un gioco del Game Boy, sviluppato dalla Nintendo e diventato il secondo videogioco di maggior successo e redditizio della storia.

Ora 21 milioni di utenti attivi stanno giocando ogni giorno a Pokémon GO, il nuovo fenomeno lanciato da Nintendo in collaborazione con Niantic (ex filiale di Google con un passato nel campo Realtà Aumentata).

Pokémon GO, rilasciato il 6 luglio per Apple iOS e Google Android, non è più solo un gioco, è una mania.

La doppia faccia di una Pokéball

Pokémon GO ha attirato i giocatori fuori dalle loro “caverne”, portandoli all’aria aperta e facendoli girare come pazzi per combattere e trovare il più raro Pokémon. Dal momento che molti esperti sostengono che il movimento aiuti le persone a contrastare depressione e ansia, Pokémon Go può essere considerato davvero un anti-depressivo?

Mah. In effetti il mondo esterno può essere un luogo pericoloso, se si è abituati a vedere la luce del giorno attraverso una tenda della finestra. Gli incidenti avvenuti nei giorni scorsi sono stati numerosi: persone che hanno trovato cadaveri, rapine a mano armata a danni di giocatori e polizia messa in seria difficoltà, costretta a dare consigli come “Non correte verso gli alberi, muri e cose che sono attaccate al marciapiede; fanno male! ” oppure ” Non interagire con l’app e con i dispositivi tech mentre guidate l’auto, la bicicletta, lo skateboard”.

PokemonGO
Foto di http://bit.ly/29X7ZKI

E se il Dipartimento di Polizia americano è molto preoccupato, la polizia del Regno Unito ha invece colto l’occasione per utilizzare questo fenomeno. Come? Catturando i criminali! Bizzarro… ma le forze dell’ordine del New Hampshire stanno effettivamente usando Pokémon Go per attirare i fuggitivi nella stazione di polizia, dove a quanto pare si nasconde un raro Charizard. Beh, speriamo che li catturino!

I vantaggi di un Pokestop nelle vicinanze

Ma nel 2016, i giocatori possono sognare e vivere nella realtà aumentata, a patto che le aziende ne traggano profitto. In effetti quale può essere l’opportunità per il business?

Infinite… Lewis Ward, direttore di IDC, istituto di ricerca di mercato per i giochi, ha dichiarato: “Questo è di gran lunga il gioco di realtà aumentata di maggior successo di sempre. Cambia la logica di gioco e si aprono nuove possibilità di guadagni, mai considerati prima”.

La sfida vera è per le imprese locali come ristoranti e bar. Tutti si chiedono come approfittare di un fenomeno che è in grado di riunire centinaia di persone nello stesso luogo e nello stesso momento.

Cos’è un Pokéstop? Un posto di interesse dove riscuotere premi, ma anche un’opportunità. È il caso di L’inizio Pizza Bar nel Queens, New York, che ha aumentato il suo giro di affari del 75% solo con l’acquisto di un “lure module”. Ognuno dura 30 minuti e attira Pokémon selvatici e, naturalmente, i giocatori.

Pokemon Go
Immagine di Tgcom 24 http://bit.ly/29RU9qs

The Pop Shop a Medford, New Jersey, ha deciso di offrire un cono gratuito per i giocatori di Pokémon che ordinano un antipasto. Il risultato? Hanno finito il gelato! E a Burlington, Vermont, la panetteria My Little Cupcake realizza biscotti Pokémon a tema ed è vicino ad un Pokéstop… Devo dire di più?

Per le imprese è più che un semplice gioco. E questo è solo l’inizio, visto che l’applicazione è uscita da solo un paio di settimane. Abbiamo ancora molto tempo per vedere cosa si inventeranno le aziende…

Per ora, cavalchiamo l’onda, usciamo e prendiamoli tutti, siano essi potenziali clienti, criminali o Pokémon!

Giulia Baroni

Giulia Baroni

Vivo in una nube, non solo come scelta digitale ma anche come scelta di vita. A volte torno sulla terra e adoro realizzare che viviamo in un mondo globalizzato, ecco perché sono sempre curiosa e pronta ad imparare da culture differenti. Vivi per imparare ed impara per vivere.

2 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.