Trends#WhatIReallyReallyWant: social sharing per più diritti

Giulia Baroni5 anni ago8 min

Advertisement

Ancora una volta, l’invito all’azione arriva con forza attraverso i social media. Con l’hashtag #WhatIReallyReallyWant, le donne di tutto il mondo sono invitate a condividere le immagini di se stesse e dire quello che vogliono.

Perché?

“Yo, I’ll tell you what I want, what I really really want, So tell me what you want, what you really really want…” Alzate le mani se avete letto e cantato allo stesso tempo! Bene, la mia mano è sollevata… Era il 1996 quando le Spice Girls rallegravano la nostra vita con questa canzone e ora, 20 anni dopo, il brano si è trasformato in un inno per i diritti delle donne. Chi lo avrebbe mai detto.

ONU e “Project Everyone”

L’anno scorso, i leader mondiali hanno sottoscritto gli obiettivi di sviluppo sostenibile per porre fine alla povertà, risolvere il cambiamento climatico e affrontare le disuguaglianze. L’ONU ha lanciato “I Global Goals per uno sviluppo sostenibile per tutti” entro il 2030 e quest’anno il focus è sulle ragazze: scegliete l’obiettivo che vi sta più a cuore, fate un selfie e condividetelo…

“Se gli obiettivi sono raggiunti, garantiscono la salute, la sicurezza e il futuro del pianeta per tutti. E la migliore chance perché vengano raggiunti, è che tutti ne siano a conoscenza. Così l’ambizione semplice ma potente del Project Everyone, è quella di condividere i global goals con tutti i 7 miliardi di persone di questo pianeta”.

The Global Goals
The Global Goals

Obiettivi globali per ragazze globali

Questo è ciò che ha detto Richard Curtis, regista del video #WhatIReallyReallyWant che mostra ballerine e artiste provenienti da tutto il mondo coinvolte in una coreografia mozzafiato. E cosa c’è di meglio di una canzone Spice Girls a rappresentarle?

Per MJ Delaney “le Spice Girls erano un gruppo di donne diverse che unendosi insieme e attraverso quel legame sono diventate più forti. Queste sono le differenze che vogliamo celebrare in questo film, pur evidenziando che ci sono alcune cose universali che tutte le ragazze, in tutto il mondo, in realtà, vogliono davvero.” E questo progetto ha letteralmente ottenuto l’attenzione di tutti.

Partendo da Victoria Beckham, che ha dichiarato “Venti anni dopo il Girl Power viene utilizzato per dare potere a una nuova generazione. Sono così orgogliosa dei Global Goals” fino a Mel C che si è detta “Lusingata e onorata che la nostra folle canzone sia utilizzata in modo così bello”.

Le Posh e Sporty Spice, come altri personaggi del jet set mondiale hanno deciso di fare qualcosa e utilizzare i social network per condividere i loro obiettivi: Emma Watson, Jamie Oliver, Jacqueline Fernandez… Ma anche tante donne comuni, che vivono la vita di tutti i giorni con uno stipendio e istruzione inferiori, magari costrette a sposarsi… Sono loro che devono condividere tutto questo, utilizzando tutti gli hashtag disponibili: #GirlPower, #Wannabe, #GlobalGoals.

Signore, se vogliamo essere davvero, davvero ascoltate, abbiamo bisogno di essere forti, dobbiamo essere chiare e fare un vera dichiarazione di intenti, in modo tale che nel mese di settembre, quando tutto sarà presentato alle Nazioni Unite, non ci saranno equivoci: uguali diritti per donne e ragazze. É troppo da chiedere nel 2016?

Quindi, apriamo gli armadi e recuperiamo i nostri vecchi abiti e stivali! É il momento di ballare, condividere e combattere, urlare al mondo tutte insieme #WhatIReallyReallyWant.

Giulia Baroni

Vivo in una nube, non solo come scelta digitale ma anche come scelta di vita. A volte torno sulla terra e adoro realizzare che viviamo in un mondo globalizzato, ecco perché sono sempre curiosa e pronta ad imparare da culture differenti. Vivi per imparare ed impara per vivere.

One comment

  • Esther

    19th Luglio 2016 at 7:47 pm

    What a pleasure to find someone who ideniiftes the issues so clearly

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.