Stai cercando un partner digital? Richiedi una consulenza gratuita Qui >>>

DataCriogenesi, il caso di Londra e la nuova vita digitale

Leo Mauriello Leo Mauriello2 anni ago9 min

Advertisement

Questo caso “è un esempio delle nuove domande che la scienza pone alla legge, forse più di tutto al diritto di famiglia” e “la crionica è crioconservazione portata al suo estremo”

Questa citazione è di Peter Jackson… no, non parliamo del Peter Jackson regista de Il Signore degli anelli e del commento al suo ultimo film di fantascienza. Bensì di un giudice della corte suprema britannica chiamato ad esprimere la sua autorizzazione – per la cronaca poi concessa – alla criogenesi di una ragazza di 14 anni morta di cancro. Decisione appoggiata da sua madre e contrastata da suo padre.

Perché parliamo di questa storia qui, su un magazine che tratta di Digital e innovation? Perché il digitale centra, ed ha avuto il merito indiretto di accelerare il dibattito su fine vita e morte ormai relegato alla religione.

Vite Digitali, la coscienza è un algoritmo

Il cinema e la letteratura si sono interrogati per primi: in Transcendence, Johnny Deep continua a vivere dopo la morte, rischiando di controllare il mondo grazie ad un suo avatar digitale; in Vanilla Sky, Tom Cruise grazie alla criogenesi sogna una vita parallela per 400 anni; ne La corrispondenzaJeremy Irons riesce a comunicare con l’amante per diversi mesi dopo la sua morte, grazie ad un sistema di mailing e spedizioni in automatico.
Storie che raccontano aspetti diversi dello stesso quesito: cos’è la morte nell’era digitale? In fondo la morte fisica può essere irrilevante, se a morire è qualcuno con cui comunichi solo attraverso i social. Se lo conosci solo attraverso le notifiche automatiche e i tag degli “amici” in comune. Irrilevante, in un’era in cui la memoria, i desideri, i ricordi… sono quantificati in giga, variabili e algoritmi. Dove è addirittura verosimile digitalizzare la coscienza, le azioni, le indignazioni, i sentimenti.

Eterni.me e l’io digitale

schermata-2016-11-18-alle-13-00-26

Sembra assurdo? Eppure c’è chi come Eternime ci sta facendo un business. Sfruttando le “tracce” lasciate sui social durante la vita (quella vera), è possibile continuare a far vivere i profili social in modo automatico. Assurdo? Irrealistico? Eppure a guardare i primi test sembra che i risultati siano impressionanti… alcune identità digitali sarebbero “morte” da diverso tempo, eppure regolarmente attive e interagenti senza il sospetto di nessuno. In questo articolo volutamente non ci siamo occupati di risvolti etici, poiché lo scopo è analizzare semplicemente la nascita di un nuovo fenomeno digitale. Ma una cosa va detta! Stiamo assistendo all’emersione di nuove questioni legislative, etiche e di dibattiti inediti sul tema del fine vita digitale: cosa fare degli account facebook? Dei profili twitter? Delle mail di chi è deceduto? Chi può averne il controllo? Un individuo può scrivere il proprio testamento digitale?

Porsi queste domande è legittimo, eppure appare grottesco in Italia come in molti paesi del mondo, dove ancora non si è affrontato seriamente il dibattito sul “fine vita”. Testamento biologico, eutanasia, accanimento terapeutico… sono concetti che spesso restano semplicemente parole o diritti negati.

Leo Mauriello

Leo Mauriello

I'm characterized by a great curiosity, that drives me to achieve important goals and new challenges. I'm a web and digital marketer mainly focused on digital strategy and social advertising with design, programming and digital analyst skills.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.