TrendsHype: l’app tool che ci libera dalla moneta

Leo Mauriello7 anni ago8 min

Advertisement

@HYPE #SMWMilan con il #mobilecommerce si potranno prevedere gli acquisti del consumatore
In Italia le operazioni annue pro capite senza il contante sono appena 68 contro una media europea di 188.

Banca Sella, da sempre una banca leader di mercato e all’avanguardia nei servizi di pagamento elettronico e digitale lancia HYPE.
“Money is just a tool”, già nel claim è chiaro l’obiettivo di posizionamento di questa app, una piccola ma evidente rivoluzione dei sistemi di pagamento elettronico e mobile commerce.
Hype ha la mission di liberare i processi di acquisto dalla moneta fisica, e la cosa più interessante è che non sceglie la strada di una moneta virtuale (stile Bitcoin per intenderci), ma si sposta sul concetto di virtualizzazione dei servizi bancari, digitalizzando in toto: conto bancario e carta di debito associata, equiparando le attività di acquisto bancarie ad un semplice processo di registrazione on line.
Abbiamo incontrato il team di HYPE e Pietro Sella alla Social Media Week di Milano per seguire la presentazione del prodotto.

Come funziona HYPE?

Hype un tool per digitalizzare il denaro

L’utilizzo è molto semplice e intuitivo, basta scaricare l’app, registrarsi, e da quel momento si possono utilizzare tutti i servizi bancari associati.
Ogni registrazione dà infatti diritto ad un conto gratuito a cui è associato un iban necessario per ricaricare il servizio. Tutto il denaro presente sul conto HYPE può essere utilizzato all’interno di un sistema community, che somiglia più ad una messaging app che ad una banca.
Esempio: vuoi offrire un caffè al tuo amico su HYPE? Gli mandi 1 euro via messaging app! Vuoi pagare le spese dei tuoi negozi online? Puoi utilizzare la carta virtuale del tuo conto HYPE. Ma perché farlo con HYPE?
Perché è gratis, è community, ed ha una serie di tool interessanti come il monitoraggio di spesa, connessioni con carte fisiche, ritiro agli sportelli, e ciò che più ha attirato la nostra attenzione: un assistente alla spesa e al raggiungimento dei tuoi obiettivi di acquisto!
L’assistente ci permette ovviamente di capire come e quanto spendiamo, ma soprattutto di impostare degli obiettivi d’acquisto: un volo? Un articolo da comprare online? Non fa alcuna differenza.
Noi definiamo il nostro obiettivo di acquisto e i tempi di raggiungimento, a quel punto Hype ci dice come raggiungerlo e dove risparmiare!

HYPE può prevedere gli acquisti individuali del consumatore?

Incuriositi dalla funzione “Obiettivi” rivolgiamo una domanda al team di HYPE: “Se il tool davvero funziona, sarà necessario una conoscenza dettagliata delle nostre abitudini. E se questa conoscenza c’è, vuol dire che il tool dopo un naturale periodo di data collecting dei nostri acquisti, potrà fare delle previsioni prima semplici e poi altamente complesse dei nostri acquisti futuri. Come userete questo potenziale?”.
Sgombriamo subito il campo da questioni ideologiche, la nostra domanda non vuole toccare il discorso etico “fino a che punto è giusto che una banca ci conosca?”, ma il potenziale di un’idea che ci sembra rivoluzionaria, e che potrebbe cambiare per sempre il modo di fare lead marketing da parte di brand e merchant.

HYPE e Pietro Sella alla social media week
La risposta è piuttosto frettolosa, ma onesta: stanno studiando offerte dirette da proporre in un futuro prossimo per tutti i conti HYPE, e rassicurano il parterre sulla sicurezza dei dati e sul fatto che non vengano condivisi.
Capiamo dalla risposta che abbiamo centrato il punto: HYPE è un’idea geniale, un servizio che ha la creatività tipica di una startup… ma è soprattutto l’inizio di un nuovo modo di fare marketing: meno invadente, ma forse più invasivo; meno aggressivo ma sicuramente più scientifico… dove l’obiettivo è agire su possibilità d’acquisto contestuali e dalle conversioni altissime. Se uniamo tutto questo al fatto che a breve saranno aperte le API ai developer per l’uso di terze parti, allora diventa semplice cogliere il grande potenziale di questo esperimento, che promette di mandare il contante in pensione.

Leo Mauriello

I'm characterized by a great curiosity, that drives me to achieve important goals and new challenges. I'm a web and digital marketer mainly focused on digital strategy and social advertising with design, programming and digital analyst skills.

3 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.