Stai cercando un partner digital? Richiedi una consulenza gratuita Qui >>>

Food UPSeed and chips: il primo evento sull’evoluzione del rapporto “Food & Tech”

Advertisement

@SEEDandCHIPS #InternetofFood, #Technology, #Sustainability, #FoodSafety, #BigData

Dal 26 al 29 marzo si terrà il primo evento dedicato al rapporto ormai sempre più in crescita tra Food e Tech. A Milano Centro Congressi il focus è su eventi e momenti di incontro tra il mondo startup e investitori, un’occasione di confronto tra innovatori, aziende e appassionati del trend che ormai domina il mercato, non più solo della ristorazione. Investitori e innovatori a confronto, confidiamo come startup, che l’elemento dominante sia la propensione al cambiamento e all’accoglienza dell’evoluzione del food concept, nel suo anche essere rivoluzionario di progetti e prodotti codificati. Seed &Chips prende vita a Milano ad un mese dall’evento dell’anno Expo 2015, dove il il tema centrale sarà quello di indirizzare l’attenzione internazionale sul binomio food innovation e Made in Italy.

Food e tecnologia

Per quanto riguarda l’innovazione sicuramente non possiamo considerarci leader mondiali, ma di sicuro lo siamo per il cibo “Made in Italy”. Non possiamo lasciarci scappare questa grande e unica occasione. Andiamo oltre, nell’esaltazione del carattere innovativo che sta assumendo il Food, nel suo essere meccanismo di processi inesplorati. Il food diventa la chiave di volta per sperimentare nuove forme di creazione e relazione. Il più grande errore in questo momento ad un mese dall’Expo, sarebbe quello di concentrarci solo sulla qualità dei nostri prodotti e della nostra storia, ignorando l’evoluzione che potrebbe invece dare nuova linfa ai consolidati meccanismi creativi e produttivi del nostro Paese. L’evento Seed &Chips potrebbe essere un primo passo, in particolare un’area espositiva ed un palinsesto di conferenze per presentare, raccontare e discutere su temi e modelli che stanno cambiando il modo in cui il cibo è prodotto, trasformato, distribuito, consumato e raccontato. Ma soprattutto aggiungerei il modo in cui il cibo interagisce con la tecnologia, le modalità e le innovazioni che stanno nascendo da questo rapporto inconsueto, e che sono davvero imprevedibili.

Internet of Food e stampanti 3D

Come mette in risalto Marco Gualtieri, founder di Seed and Chips, anche nel presentare la mostra sul Food del National GeographicAs recently stated by the U.S. government, ‘food is the new frontier of technology”. Le aree di sperimentazione sono infinite, e possono condurre a molteplici e inaspettate soluzioni.

Le aree dell’evento sono cinque: Agriculture, Transforming, Distribution, Delivery, Learning & Sharing. Tutte fasi fondamentali nel processo di trasformazione e distribuzione del cibo, ma devo dire che la fase più vicina al nostro mondo e in linea con quella che secondo noi sarà l’evoluzione del food topic è “Learning & Sharing”, con aspetti a noi particolarmente cari come food community, digital content e crowdfunding. Tutti elementi cruciali, in particolare il tema dell’Internet of Food, stampanti 3D e dinamiche di social sharing che stanno rivoluziando l’essenza del Food, in particolare la sua dimensione estetica e il suo carattere interattivo. Crediamo che il nostro prodotto “Flick on Food” possa contribuire alla valorizzazione del “Learning and sharing”, puntando sulla promozione di un sapere collaborativo e partecipativo. Prima di produzione e distribuzione non è fondamentale la conoscenza?

Michela Di Nuzzo

Michela Di Nuzzo

« Se scrivo ciò che sento è perché così facendo abbasso la febbre di sentire». - Fernando Pessoa Giornalista e co-founder, vivo il digital come imprenditrice e appassionata. Percepisco il cambiamento come un'opportunitá mai una minaccia. Occhi spalancati e orecchie aperte, sempre pronta alla condivisione, la chiave di ogni evoluzione.